Questa città europea potrebbe scomparire a causa di un terribile tsunami: gli effetti del cambiamento climatico

Uno tsunami potrebbe spazzare via una città intera in un futuro neanche troppo remoto eppure i suoi abitanti resistono.

La questione che riguarda i cambiamenti climatici e le conseguenze sulla vita (umana e di tutte le altre creature che abitano il pianeta) è una questione ancora aperta. Gli incontri tra i grandi della Terra non sembrano infatti riuscire ad avere quel guizzo di coraggio per andare oltre il proprio tornaconto economico.

Allarme Tsunami per tutta la città
Presto uno tsunami ingoierà un’intera città europea: la situazione – Travelfeed.it

Ma la realtà dei fatti è che l’equilibrio su cui si regge la nostra vita è precario e il cambiamento climatico rende tutto più instabile. La dimostrazione viene da una città europea che si trova decisamente a nord rispetto alla nostra posizione ma che per questo non va ritenuta un luogo remoto.

Al contrario, vale la pena raccontare sia quello che sta succedendo alla natura di di un luogo molto speciale, sia quello che gli abitanti della zona stanno facendo per prepararsi a quello che sanno prima o poi arriverà: perché nel loro futuro c’è uno tsunami che sommergerà tutto.

Åkernes, il crepaccio malato che potrebbe distruggere la Norvegia

Åkernes è un crepaccio che si trova nella zona di Sunnmøre, Norvegia occidentale. Il crepaccio affaccia su uno dei tipici fiordi norvegesi nella cui insenatura naturale sorge Geiranger. Ma questo piccolo paese è a quanto pare condannato prima o poi ad essere completamente sommerso da uno tsunami. Uno tsunami che si verificherà nel momento in cui il crepaccio Åkernes si staccherà e crollerà.

i cambiamenti climatici stanno distruggendo la norvegia
Una città europea al limite del mondo potrebbe scomparire – travelfeed.it

Visto così potrebbe sembrare solo un evento naturale ma a seguito del monitoraggio è emerso come proprio i cambiamenti climatici stiano mandando in crisi le falesie che compongono buona parte del paesaggio norvegese e non solo. Le temperature che si fanno sempre meno fredde unite a dei pattern meteorologici che portano pioggia quando non dovrebbe arrivare e lo scioglimento concomitante del permafrost stanno trasformando il paesaggio dei fiordi norvegesi in un puzzle instabile.

E nel momento in cui uno di questi tronconi dovesse effettivamente staccarsi dalla roccia madre l’impatto con il mare sottostante sarebbe talmente tanto potente da generare un’onda di tsunami che spazierebbe via intere comunità e tra queste comunità ci sono proprio gli abitanti di Geiranger. Un luogo che rimane comunque una attrazione turistica perché fa parte del patrimonio UNESCO.  E per questo motivo gli abitanti e di tutta la zona si sono dotati di un sistema di allarme precoce.

Studiato per garantire una fuga ordinata e sicura di tutti gli abitanti e insieme di tutti gli eventuali turisti. Nonostante il pericolo, che è stato anche oggetto di un film del 2015 che ha provato a raccontare cosa potrebbe accadere, gli abitanti continuano a rimanere e sono effettivamente pochi quelli che si sono trasferiti altrove, cercando di convivere non solo con la roccia possente e delicata ma anche con le conseguenze dei cambiamenti climatici.

Impostazioni privacy